Infografica: il processo di delega.

INIZIARE A DELEGARE

Per iniziare a delegare il modo migliore è cominciare a metterti nell’ottica giusta. Il “fare sempre tutto da solo perché lo faccio meglio”, forse ti toglierà qualche ansia da fiducia, ma non servirà ad far sparire magicamente tutta la mole di lavoro che dovrai svolgere da solo e non ti permetterà nemmeno di fare il salto di qualità nel tuo business. Starai sempre nella “terra di mezzo” per dirla come Giacomo e Augusto di Supergoodlife.

E allora non aspettare che arrivi qualcuno ad offrirti il suo aiuto. Una volta che hai deciso di assumere qualcuno, chiedi e prendi l’aiuto che ti serve.

Metti in conto che dovrai insegnare la mansione che vuoi delegare, se necessario, e impara a dare fiducia ai tuoi collaboratori.

Con il tempo il lavoro e le comunicazioni diventeranno fluide e potrai vederne i benefici.

IL PROCESSO DI DELEGA

A questo punto non resta che passare all’azione mettendo in pratica il processo di delega.

Qui sotto ho realizzato un’infografica che spiega in modo semplice e chiaro i passaggi del processo di delega.

processo di delega

E’ importante definire tutte le attività che possiamo delegare.  Selezionare le persone giuste a cui affidare i compiti, valutandone le capacità. Si passa poi a definire e spiegare il ruolo da ricoprire, specificando le attività da eseguire. Nel passo successivo si concordano gli strumenti da utilizzare. Nel caso di lavoro da remoto i tools più usati sono GOOGLE DRIVE, DROPBOX o strumenti per l’organizzazione e pianificazione delle attività come TRELLO o ASANA che permettono la condivisione della stessa bacheca.

A questo punto è bene controllare e nel caso supportare con eventuali istruzioni il vostro collaboratore, in maniera tale da “aggiustare il tiro” se necessario o valutare se il lavoro viene svolto correttamente.

L’ultimo punto, ma non meno importante, è fornire un feedback sull’attività completata. E si spera sempre sia positivo, però mettete in conto di dover spendere un po’ di tempo a spiegare come volete che il lavoro sia svolto o a insegnare gli strumenti o i passaggi necessari.

Fatte queste considerazioni, se metterai in pratica i punti descritti qui sopra, col tempo diventerà più facile ricorrere ad un’assistente virtuale quando ne avrai bisogno, senza perdere più tempo nel riformulare il processo di delega perché lo avrai già ben chiaro!

PS: Se vuoi sapere quali strumenti uso per il mio lavoro di assistente virtuale ho scritto un post qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *